Music Tumblr Themes
Next Page

Emiliano Brunori


fuckyeahplattenbau:

Norilsk, Siberia by Elena Chernyshova

fuckyeahplattenbau:

Norilsk, Siberia by Elena Chernyshova


Foto di squadra, stagione 2014-2015.
Nella fila in alto, da sinistra: una porzione di anelletti al forno alla palermitana.
Nella fila in basso, accosciato, tutto il mondo.

Foto di squadra, stagione 2014-2015.

Nella fila in alto, da sinistra: una porzione di anelletti al forno alla palermitana.

Nella fila in basso, accosciato, tutto il mondo.


haidaspicciare:

yomersapiens:

arewekidding:

3nding:

…
This tumblr user ( madonnaliberaprofessionista ) decided to protest against a group of people that do support homophobia and a bigot way of living. These people usually meet in public squares in Italy and they stand there in silence reading some books. 
So what he did? He went to the same square, dressed up as an Illinois’ Nazi, with the same armband from Chaplin’s The Great Dictator and a sign with “The Illinois’ Nazis support these people” written on it. 
Guess what? Italy is a crazy place, so crazy that he is risking to be sued for fascism apology, no matter the anti-fasci and anti-nazi references he was displaying. 
If you’d like to spread the story oversea, these are the kind of people a free society needs.
Cheers,
3nding

REBLOG. NOW.

Imparare a superare la linea che divide il dire e il fare.Incoronare madonna nell’alto dei cieli.

Siamo tutti nazisti dell’Illinois.

haidaspicciare:

yomersapiens:

arewekidding:

3nding:

This tumblr user ( madonnaliberaprofessionista ) decided to protest against a group of people that do support homophobia and a bigot way of living. These people usually meet in public squares in Italy and they stand there in silence reading some books. 

So what he did? He went to the same square, dressed up as an Illinois’ Nazi, with the same armband from Chaplin’s The Great Dictator and a sign with “The Illinois’ Nazis support these people” written on it. 

Guess what? Italy is a crazy place, so crazy that he is risking to be sued for fascism apology, no matter the anti-fasci and anti-nazi references he was displaying. 

If you’d like to spread the story oversea, these are the kind of people a free society needs.

Cheers,

3nding

REBLOG. NOW.

Imparare a superare la linea che divide il dire e il fare.
Incoronare madonna nell’alto dei cieli.

Siamo tutti nazisti dell’Illinois.


Ancora pochi secondi e tutto sarà finito.

Pizzoccheri fatti in casa con zucca, porcini e Bitto


Thomas Roma: Mondo Cane - shadow portraits, Brooklyn, NY, 2013

Thomas Roma: Mondo Cane - shadow portraits, Brooklyn, NY, 2013


"Ribellandosi al delirio d’onnipotenza dei suoi creatori, l’iPhone 6 in cuor suo aveva sempre sognato d’essere uno StarTAC."


René Burri: Le Corbusier’s drawings, (24, rue Nungesser-et-Coli, XVIe arrondissement, Paris, France, 1960)

René Burri: Le Corbusier’s drawings, (24, rue Nungesser-et-Coli, XVIe arrondissement, Paris, France, 1960)


Sì, gli androidi sognano pecore elettriche.

"Questa Divina Commedia non l’ho mai letta, qualcosa a scuola, certo, ma non l’ho mai letta davvero, anzi, lo sai, non ho mai letto quasi nulla in vita mia, è ora di leggerla, anzi, di iniziare a leggere, dev’essere fantastica, è un capolavoro. Me la stampo" "Ma…non ti conviene comprarti il libro?" "Ma no, così me la stampo come piace a me!" […] "Ecco. Certo, la facevo più lunga" "Cioè?" "Eh, sono solo sette pagine" "Impossibile" "Ah no, ecco, hai ragione, era finita la carta nella stampante" "Non ce n’è altra?" "No" "Be’ vai a comprarla dopo, no?" "No" "Ma perché? Eri tutto entusiasta della cosa…l’hai iniziata a stampare…" "A me non piace leggere, volevo solo provare la stampante nuova"


Fan Ho: Private (Honk Kong, 2014)

Fan Ho: Private (Honk Kong, 2014)


Visto il riaccendersi nelle trame della rete dei golosi dell’interessantissimo dibattito sulla giustezza di salare l’acqua della pasta prima o dopo il bollore, colgo l’occasione per ricordarvi la ricetta di una buona pasta burro e parmigiano, che prevede: una quantità necessaria di pasta (pensare sempre per due), troppo burro (no fesserie: burro colorato e profumato, di latte di montagna) e un’enormità di Parmigiano Reggiano grattugiato. Poi, se vorrete sentirvi dei cuochi amorevoli con voi stessi, mantecherete la pasta in una casseruola con gli ingredienti di cui sopra, un po’ di panna fresca e alcuni pizzichi di noce moscata e pepe bianco, rilasciati sulla preparazione volgendo lo sguardo altrove, come solo una regina sdegnata con la corte. Nota per coloro che abbiamo trascorso una ragionevole porzione della loro vita a rimirare il soggetto della copertina de “Il talismano della felicità” di Ada Boni: mi raccomando, ove possibile, ditaloni rigati e cucchiaio da minestra.


Avevo dimenticato la luce accesa nel ripostiglio del giardino. Quando l’ho aperto, dentro c’era uno di Enel Energia. Mi sono spaventato, ma lui, in silenzio, mi ha sorriso mentre spegneva la luce, rimanendo dov’era. Mentre richiudevo la porta dietro di me, mi ha sussurrato nel buio: “Ricordati di me”.


Kenro Izu: estratti dalla mostra Territori dello Spirito


Un tuffo nel passato. Ero alle elementari, e quel giorno mi dovevano aver fatto qualcosa di brutto. Non ricordo cosa, ma evidentemente era qualcosa che mi ero tenuto dentro e che mi aveva fatto incazzare parecchio, perché mi ero ripromesso di fargliela pagare pesantemente il giorno dopo. Il giorno dopo, però, semplicemente, la cosa mi era già passata di mente, bontà mia, così la giusta punizione non si abbatté sui colpevoli e, sono certo, la giornata di scuola passò tra i soliti frizzi e lazzi. Se non che, al ritorno a casa dopo la scuola, mi ricordai della mancata punizione, e così, perché la giustizia facesse sine dubio il suo corso, mi scrissi un appunto sulla lavagna che avevo in cameretta. E infatti, al risveglio, trovai lì il mio utile appunto, che ricordo molto chiaramente quasi fosse oggi: era scritto in rosso, grande e in stampatello: “NON PARLARE PIÙ ALLE FEMMINE”.



queenofgodless:

Odio i libri, le canzoni, le citazioni, i racconti che contengono la frase “non piangere”. I consigli da “asciugati gli occhi” o “non vale la pena di versare lacrime”. Il dolore è sacrosanto. Soprattutto il proprio. Le lacrime hanno un tempo. Se le conservate dentro finiscono per marcire. Piangete. Piangete tutte le vostre lacrime, finché ne avete. Fatevi questo favore.